Motomondiale, quarto e quinto titolo di Rossi: il biennio Honda sulle note di Lucio Dalla


– Continua a leggere sotto –

Nero più di 20 anni dal corriere di Valentino rossi, sono stati in molti per dedicare alle sue gesta delle vere e proprie lodi: alcune under form di fumetto, poi documentari, serie, libri e musica. Nel 2007 è un genio musicale come Lucio dala a mettere in versi la storia di un centauro tanto vincente quanto spericolato, soprattutto durante il primo anno della sua eterna carriera. “Dico a tutti io vivrò, due dita sotto il cielo“, recita il ritornello della canzone che il cantautore bolognese ha dedicato al pilota di Tavullia: due dita che tappa dopo tappa ha mostrato Valentino Rossipunteggio alto verso, dopo l’ennesima victortoria, l’ennesimo Registrazione.

L’inizio di questa storia è un racconto breve, nel mezzo, tanto, c’è il tempo passato a cavalieri di una Hondail RC211Vcon cui il medico è venuto due titoli mondiali consecutivamentenel 2002 e nel 2003. Due annate che resteranno nella storia per il numero di successi, i Registrazioneio sorpassi e il dominio totale della categoria regina di questo sport.

Valentino Rossi con la Honda

A 15 anni la mia semina volò

Illinois 2002 se premo tra i dissidi: rossi l’A fiondaquella ufficiale e non più fabbrica, Trovo disapori la propria strada. casa giapponese decide di rinunciare al centauro Italiano per i test prestagionali e il rinnovo sembra in bilico. Tuttavia l’accordo per la nuova estagione viene trovato, anche se il tempo non è del tutto sereno, è nuvoloso se sono ancorato al registratore di cassa, ma il Motomondiale inizia e non acaso se esce in Giappone. La sensazione è che quest’anno possiamo presentare l’inizio di una nuova era: non c’è più classe 500che lascia spazio alla moto gp. Cambierò ma, non è solo il nome, mutano anche i regolamenti. Il più importante riguarda gli stessi mezzi, nel Circo giungono Motore quattro tempi da 990 cm³.

Leggi anche: Valentino Rossi, il primo assaggio di leggenda: le migliori gare in classe 500

– Continua a leggere sotto –

Illinois medico non evidente all’accordo del cambio della sua moto, ma comunque tutto e i risultati lo erano strabilianti. Nel Paese del Sol Levante, Valentino rossi portare a casa il pole positionil giro veloce e la vittoria, staccando il secondo classificato, Akira rio, diciamo un secondo e mezzo. Dopo i GP del Sud Africa e quel corso a Jerez della Frontera, il Motomondiale se si sposta in Francia, a Le Mans. La pioggia caratterizza la tappa e in tanti semi caricherò la difficoltà porte dall’acqua. Uno dei questi è proprio Valentino, malato in terza posizione, dietro Max Biaggi me uka. Quando il cielo così minacciare il continua della gara, giunta oltre i 14 giri, il medico Accedi al tuo fionda e in pochi tornanti compie una cifra incredibile. Verso la fine del GP transalpinole diventano condizioni proibitive, la corsa viene fermata e il successo assegnato per regolamento al numero 46.

dopo 7 vittorie di filadominio del pilota Italiano se rompe in Repubblica Ceca, dove Valentino è costretto al ritiro. Tuttavia la distanza in classifica è troppo por preoccupare il centauro ampio pesare: un mese dopo il successo che segna il momento indelebile della sua carriera. A Rio, dopo una gara iniziata non troppo bene, in cui è stato a rimontare dalle retrovie (aiutato da diversity cadute, come quella di uka e dire ceco), trova il primato, rifilando più di un secondo e mezzo ad un agguerritissimo BiaggiChe non può che restare da tenere mentre il suo rivale conquista il titolo mondiale, il quarto. rossi 23 anni fa è giovane, spavaldo e il mondo della moto è ai suoi piedi: vola sulla sua hondamangia quando ha 15 anni e mangia direbbe Lucio dala: “Potevo scegliere vivrà o morirà, quanto è uguale, l’importante era capire, dove io e la mia testa col mio corpo potevamo andare“.

Valentino Rossi con la Honda
Valentino Rossi con la Honda

Dico a tutti io vivrò, due dita sotto il cielo

Illinois 2003 rappresenta molte cose nella carriera del pilota marchigianoche continua a correre con la casa giapponese Non così tanta divergenza. I risultati, però, sono sotto gli occhi di tutti. Illinois Circo riparte ancora dal Giappone ea vincere è sempre Valentino Rossima questa volta il successo è amaro, perché a causa di un grave incidente, cato perde la vita sulla pista di Suzuka. Per contendersi il titolo finale al centauro Italiano c’è Sete GibernauMa nessuno così riesce a contrastare il dominio valentinianoche agevolly controlla la classifica generale.

La quinta tappa del Motomondiale se ferma in Italia, al Mugello. In questa occasione, il rappresentante tricolore fa scuola al resto del gruppo: la battaglia per il primo posto in moto gp È Valentino rossiche alla fine porta a casa il primo grado del podio, Loris Capirossi e Max. Biaggi. Sorpassi, controsorpassi, carenate, duelli fuori da ogni immaginazione può contenere la domenica delle due ruote, lasciando a boca aperta il pubblico e il vuoto dietro i primi tre classifica.

– Continua a leggere sotto –

In Malesia, una tre gare dalla fine del campionato mondiale di motociclismo, Rossi fa aggiungere il suo quinto sigillo iridato, mail vero capolavoro lo scrisse nel GP successivo, che era di scena a Philip Island, in Australia. Una sanzione di 10 secondi, per un sorpasso effettuare in regimen di bandiere gialle, costringere il pesare alle retrovie, ma l’idolo di Tavullia non è un ragazzo che si affitta facilmente: rossi impostare una ritmo furbondo e una dopo l’altra scarta tutte le moto sul suo camino, fin a come alla comando della corsa, chiudendo con 5 secondi avanti sul secondo classificato. La vittoria appare agli occhi di tutti come una straordinaria prova di forza e capacità: nessuno può battere Valentino, un’arma su una moto perfetta, un’anima furente, che vive e respira e fuma dalla pista e dai box, un pilota dall’ Imagine chaotica, che stagione dopo stagione, dopo vittoria, gara dopo gara, non ha mai perso la motivazione, per alzare due dita sotto il cielo.



Source link

Add Comment