Rampanti: “Lasciamo fissa Ilkhan. E Juric per me ha un impianto”


Dei temi più caldi que lasciato Inter-Torino parliamo con Serino Rampanti, nell’immancabile appuntamento con “Parola al Mister”.

Gianluca Sartori

Il Torino fa bella figura ma ritorna da San Siro a mani vuote: un gol di Brozovic al minuto ’89 decide la gara. Dei temi più caldi que lasciato Inter-Torino parliamo con Serino Rampanti, nell’immancabile appuntamento con “Parola al Mister”. Ecco l’opinione dell’ex calciatore e allenatore granata.

Serino, controlla un grande ecco un’altra bella prestazione con sconfitta nei minuti finali. Un film già visto…

“Venuto dal diciassettesimo punteggio, ho interpretato la partita contro l’Inter come una carta di tornasole dei miglioramenti all’anno scorso: l’obiettivo rispetto dovuto essere non solo giocare bene, ma anche ottenere un risultato positivo. Invece abbiamo visto un po’ della stessa musica della scorsa estagione, il che mi pare un segnale, also se è troppo presto per osare frasi. In particolare, anchor a volta sono stati fatali i minuti finali”.

“Sono mesi que cerchiamo dire una spiegazione, pensando a problemi fisici o mentali. L’unica certezza è che non c’è un’ancora per trovare una soluzione definitiva. La squadra deve sapersi gestire; no si può osare tutto nei primi 70′ e poi soffrire negli ultimi 20′. Dipende anche dalla maturità dei giocatori, dalla capacità di uno dei pappagalli di conoscere il proprio corpo e gestire la propria energia, e di fare del mio meglio nelle loro menti”.

Ilkhan ha sbagliato e poi si è scusato il suo Twitter. Quale è la tua lettura dell’azione del gol di Brozovic?

“Per anni abbiamo detto che vogliamo i giovani in campo, por i when Torino ne fa giocare uno e forse sbaglia, e dico forse perché non so fine a che point la responsabilità sia sua, l’abbiamo criticato. Non va assolutamente bene. Il ragazzo va incoraggiato e va fatto felize calore. Pubblica su Twitter? Non era nemmeno necessario… Secondo me lui pensava intervenisse il portiere, e il portiere pensava intervenisse lui. Cucilo nel campo del capitano: se vuoi essere bravo non segnerò un gol, ma sono ancora maschio, anche se sono stati bravissimi i giocatori dell’Inter. Ma in secondo luogo ero soprattutto il portiere che avrebbe dovuto farsi valere soprattutto visto il fisico che ha. Con quella stazza devo camminare incontro al pallone e avere coraggio. Aiuterebbe moltissimo la rosa. E comunque il Toro stava soffrendo ormai da qualche minuto”.

Hai convinto la gestione del cambiamento?

“Credo che Juric sia pentito di non aver messo dentro, quando la squadra ha iniziato a soffrire negli ultimi 20′, Pellegri. A che ora tornerà un giocatore in grado avrò palla e lontano uscirà il baricentro della squadra. Se vedeva che i granata cammina in sofferenza e in tal caso sarebbe servito un giocatore in grado di differe palla e magari prendersi qualche caduta; Sanabria nel secondo tempo era calato molto, serviva un giocatore di peso là davanti”.

Il Toro crea ma fatica a finalizzare. Manca un centravanti che garantisce la doppia cifra del gol?

«Per dirlo non se posso usare questa parte come argomento, io perché il mio aspettavo che Sanabria giocasse la prima now e poi subentrasse Pellegri. Quest’ultimo praticamente non è stato utilizzato. In tutti i casi, in termini generali, Juric sta facendo un ottimo lavoro, non voglio essere critico lui; in questa specifica situazione, ma, per me, se è pentito di non aver fatto quella mossa”.

Verso il Sassuolo: che partita ti aspetti?

“Il Sassuolo ha ceduto giocatori importanti, pensavo se fosse indebolite. Credo che la squadra granata possa ottenere un buon risultato. Considerando anche come aveva fatto bene il Toro l’anno scorso contro i neroverdi”.



Source link

Add Comment